Invasatura PTB

Invasatura PTB

Descrizione

Creata all’Università di Berkeley (California), l’invasatura in resina PTB, ovvero Patellar Tendon Bearing, era largamente utilizzata fino all’avvento della PTK che sfrutta la presa sui condili femorali per la sospensione. Infatti, essendo questa assente nella PTB, l’ancoraggio era assicurato dal cinturino soprarotuleo. Essa è caratterizzata: dalla limitata presa sui condili femorali per cui l’ancoraggio dell’invasatura al moncone deve essere assicurato da un cinturino sopra rotuleo; da un appoggio sottorotuleo ed, in parte, sulla rotula; da una controspinta stabilizzante posteriore.

Il bordo superiore dell’invaso copre anteriormente la parte inferiore dei condili femorali, mentre nella parte posteriore si trova in corrispondenza della linea articolare del ginocchio. Il moncone si appoggia su questa invisatura principalmente: sulla zona sottorotulea mediante una depressione dell’invaso, sul contrappoggio situato al centro della parete posteriore, su tutta la superficie del moncone specialmente sulle parti molli (liberando dalla pressione le sporgenza ossee e i tendini).

Richiesta Informazioni
DIVISIONE ORTOPEDIA - PROTESI
© 2016 REHA GROUP ROMA - All right reserved     concept&web design_p'artners
Facebook Twitter